Collegio Geometri
e Geometri Laureati

Organi istituzionali
Commissioni e
Gruppi di lavoro

Servizi
agli Iscritti

Edicola
del Geometra

Agenda eventi
Formazione Professionale
Giovani e
Praticanti

Settori
tematici

Normativa e
legislazione

Informative ed
Approfondimenti

Forum di
discussione

Enti ed
Associazioni

Links utili
Altri Collegi
FAQ
Area riservata PA
Amministrazione trasparente
S.F.R. Franzoni
ITALIA SMART BUILDING S.R.L.
Bando Fondi SIE regionali. Il Servizio AdEPP
18/11/2020 - Cassa Nazionale Geometri
(Pubblicata da Collegio Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Brescia)

Il nuovo servizio di consulenza e informazione sui bandi dei Fondi SIE regionali è nato grazie ad un accordo sottoscritto tra Coopération Bancaire pour l’Europe (CBE) e  AdEPP. 
In considerazione del grande interesse riscontrato dal servizio sperimentale online di consulenza sui bandi regionali dei Fondi SIE, si informa che CBE (Coopération Bancaire pour l’Europe-GEIE) non potrà procedere alla consulenza in assenza di un’idea progettuale ben definita, che consenta di individuare programma e fonte di finanziamento.
 
Si invitano, pertanto, i professionisti e professioniste iscritti alle Casse aderenti all’AdEPP di specificare: la necessità/fabbisogno cui risponde il progetto, l’oggetto della richiesta, le risorse previste e richieste, le ricadute attese per l’attività professionale o per il contesto economico e social.
 
Il servizio è accessibile mediante un formulario online (google form) attraverso il link 
https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLScGG0iwozbG1ctQO785IE25W2-fMpeyIdEDBiuFULJJX-toKA/viewform?vc=0&c=0&w=1&flr=0&gxids=7628.
 
E’ necessario compilare il formulario con i propri dati (compreso il riferimento di iscrizione alla Cassa di appartenenza) e specificare il bando al quale s’intende concorrere, nonchè una breve descrizione della proposta. Infine, bisognerà indicare un indirizzo di posta elettronica per i successivi contatti da parte di CBE.
 
Il servizio di prima consulenza è gratuito per gli iscritti alle Casse, e mira a fornire un primo orientamento via mail in vista della partecipazione a un bando pubblicato dalla regione di riferimento nell’ambito dei programmi operativi dei quattro fondi strutturali (FERS, FSE, PSR/FEASR, FEAMP), bandi che sono monitorati mensilmente nella newsletter Professioni in Europa.
 
Più della metà dei Fondi dell’UE viene erogata attraverso i Fondi strutturali e d’investimento europei (fondi SIE). I fondi sono gestiti congiuntamente dalla Commissione europea e dai paesi dell’UE, i quali li amministrano tramite le Regioni. I bandi consentono l’accesso a finanziamenti a fondo perduto.

Maggiori informazioni


Equo compenso, Ministero e professionisti tecnici definiscono le modalit operative
11/11/2020 - Consiglio Nazionale Geometri
(Pubblicata da Collegio Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Brescia)

Per conto del Ministero alla riunione hanno partecipato Pietro Enzo Gancitano (Consigliere del Ministro Bonafede per le libere professioni), Maria Casola (Capo DAG), Maria Lavinia Buconi (Magistrato di gabinetto), Luca Buffoni (Magistrato addetto ufficio legislativo) e Roberto Bonanno (Magistrato DAG). 
 
La delegazione RPT, guidata dal Coordinatore Armando Zambrano, era composta anche dai Consiglieri Maurizio Savoncelli, presidente Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati, e Sabrina Diamanti, presidente Consiglio dell’Ordine nazionale dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali.
 
In occasione dell’incontro, la Rete ha sottolineato la grande attesa da parte degli iscritti agli Ordini e Collegi professionali aderenti nei confronti del monitoraggio sull’equo compenso. Soprattutto perché, con particolare riferimento all’applicazione della normativa relativa al Superbonus 110%, grandi aziende e general contractors stanno manifestando la tendenza al coinvolgimento dei professionisti dietro la corresponsione di compensi non adeguati. Gli stessi soggetti approfittano del meccanismo per trattenere cifre fino al 40% degli importi complessivi per attività non sempre effettivamente svolte.
 
La Rete, inoltre, ha colto l’occasione per porre la questione della Pubblica Amministrazione che, in taluni casi, si pone in contraddizione con l’applicazione del principio dell’equo compenso, come dimostra l’ultimo pronunciamento del TAR, in questo caso di Milano, che ha dichiarato legittimo che un professionista esegua una prestazione gratuitamente per la PA in cambio di pubblicità. In questo senso la Rete ha chiesto al Ministro Bonafede di dare un segnale forte.
 
Sul piano puramente organizzativo, la Rete ha comunicato che sono stati attivati i Nuclei territoriali di monitoraggio, che hanno il compito di effettuare un primo screening delle segnalazioni che denunciano la mancata applicazione dell’equo compenso. Di comune accordo col Ministero, è stato deciso che le schede di segnalazione, opportunamente compilate, saranno inviate al Nucleo centrale e saranno raccolte in una banca dati. Sulla base delle informazioni ricevute, in accordo col Protocollo d’intesa firmato con RPT lo scorso luglio, il Ministero provvederà a segnalare le violazioni all’Autorità garante per la concorrenza e a sollecitare i diretti interessati ad adeguarsi alla normativa. Qualora lo ritenesse opportuno, il Ministero può sollecitare opportune iniziative legislative. 
 
Il Ministero della Giustizia e la RPT si riuniranno nuovamente a fine mese per verificare il corretto andamento dell’attività di monitoraggio.
 
QUI il comunicato stampa RPT
 
Maggiori informazioni


Un testo unico per gli incentivi
29/10/2020 - Consiglio Nazionale Geometri
(Pubblicata da Collegio Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Brescia)

“In considerazione delle grandi aspettative che la politica ripone sull’applicazione del Superbonus 110%, sia in termini economici, sia di conservazione del patrimonio immobiliare edilizio, sarebbe opportuno che il legislatore avviasse un confronto con i soggetti deputati ad operare “sul campo”, che potrebbero tempestivamente segnalare eventuali discrasie capaci di renderne problematica l’applicazione stessa”.  
 
Con questa esortazione si è concluso l’intervento alla Camera del Presidente del Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati Maurizio Savoncelli, in audizione presso la Commissione vigilanza dell’Anagrafe Tributaria dove, assieme al coordinatore Armando Zambrano, ha presentato le proposte per una migliore applicazione dell’incentivo introdotto dal decreto Rilancio.
 
Ecco la sua intervista.
 
Presidente Savoncelli, i temi sollevati dalla RPT (nell’occasione rappresentata da ingegneri e geometri) toccano una serie di aspetti tecnici forse poco “comunicabili” ai cittadini, ma di importanza primaria rispetto all’applicazione concreta delle misure per l’efficientamento energetico.
 
È così. Il punto di partenza della riflessione elaborata della RPT è che se l’incentivo fiscale è un elemento determinante in chiave di risparmio energetico, sostenibilità ambientale e sicurezza antisismica, in misura anche maggiore lo sono una serie di altre variabili, prime fra tutte la durata temporale del beneficio.
 
A proposito: si parla già di una proroga al 2024, la ritiene sufficiente?
 
La ritengo utile per fare fronte ad esigenze contingenti. La prima rimanda alla complessità degli interventi ammessi al beneficio, che in larga parte coinvolgono i condomìni: in questi casi, è lecito aspettarsi che le decisioni su interventi impegnativi richiedano tempi lunghi; la seconda fa riferimento ai relativi iter burocratici, pesantemente rallentati dalle oltre trenta asseverazioni richieste, rispetto alle quali abbiamo chiesto l’introduzione di un meccanismo di ravvedimento operoso nell’ipotesi di errori formali; la terza chiama in causa l’impossibilità di accedere agli archivi edilizi non ancora digitalizzati (in sostanza: tutte le pratiche antecedenti gli anni Novanta), a causa del larghissimo ricorso delle amministrazioni pubbliche allo smart working, quale misura di contenimento dell’epidemia Covid-19. In questo scenario, il rischio che non si riesca a rispettare la scadenza del 31 dicembre 2021 è altamente probabile, e quindi ben venga una dilazione dei termini. Detto ciò, ribadisco quanto dichiarato in altre sedi: la portata del Superbonus 110% è tale da richiedere una sua trasformazione strutturale.
 
Un altro tema posto all’attenzione della Commissione è quello della “varietà legislativa”, per usare le sue parole: tanti soggetti che intervengono sullo stesso tema, talvolta in maniera irrituale.
 
Premessa la legittimità degli interventi, la sollecitazione della RPT a soggetti autorevoli quali MIT, MISE, Enea, Agenzia delle Entrate è di operare una sintesi rispetto alle specifiche competenze e di farle convergere in un testo unico di riferimento, laddove potrebbero essere apportate integrazioni e miglioramenti. Mi riferisco, in particolare, alla possibilità per gli immobili di categoria A1 (abitazioni di tipo signorile) e A8 (abitazioni in ville) ormai privi delle caratteristiche originali, di accedere ai benefici fiscali. Le conseguenze di queste esclusioni sono evidenti, a partire dalla difficoltà dei trasferimenti immobiliari e la trascuratezza delle aree circostanti.
 
In ultimo: la trasparenza. In audizione ha sostenuto che occorre preservare lo spirito di servizio che è all’origine del provvedimento, pena la perdita di fiducia da parte dei cittadini.
 
È importante non derogare ai “paletti” fissati all’origine del provvedimento, ossia la copertura al 100% delle spese sostenute, comprese quelle di tutte figure tecniche coinvolte, unitamente alla possibilità di usufruire di un ulteriore beneficio del 10% sotto forma o di detrazione diretta, o di sconto in fattura da chi realizza l’intervento, o di cessione a terzi. Per far si che le percentuali rimangano tali, possiamo utilizzare due leve: istituire un osservatorio, con il compito di intervenire in situazioni di irregolarità; vigilare affinché le prestazioni erogate siano di qualità, e pertanto remunerate nel rispetto dell’equo compenso. Solo la qualità può rendere veramente applicabile una misura sulla quale grava la responsabilità di rilanciare il Paese.
 
QUI la pagina di ITALIA OGGI

Maggiori informazioni


Superbonus: da oggi possibile inviare asseverazioni a ENEA
29/10/2020 - ENEA
(Pubblicata da Collegio Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Brescia)

Roma, 27 ottobre 2020 - Da oggi è possibile inviare all’ENEA sul sito detrazionifiscali.enea.it anche le asseverazioni e i documenti previsti nell’ambito della normativa sul Superbonus 110%, ai sensi dell’art. 119 della legge 17 luglio 2020 n. 77 e dei decreti 06 agosto 2020 (Decreto Requisiti Ecobonus e Decreto Asseverazioni).

La compilazione dell’asseverazione potrà essere effettuata direttamente sul sito che consente anche di allegare la documentazione prevista.

Dalla data odierna decorrono i 90 giorni entro i quali occorre caricare i documenti relativi ai lavori iniziati e conclusi prima della data della messa online del nuovo portale ENEA.
Per comunicare all’Agenzia delle Entrate l’eventuale cessione del credito relativa ai lavori Superbonus 110%, c’è tempo fino al 16 marzo 2021, al fine di consentire alle imprese che lo avranno acquisito di caricarlo sul loro cassetto fiscale e usufruire delle detrazioni.

Maggiori informazioni


Circolare prot. 64992 del 15/06/2020
05/08/2020 - Agenzia delle Entrate - Direzione Provinciale di Brescia
(Pubblicata da Collegio Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Brescia)

Circolare prot. 64992 del 15/06/2020
Servizi catastali.



Attivazione servizio gratuito "Check-cruscotto di cantiere"
15/04/2019 - Collegio Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Brescia
(Pubblicata da Collegio Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Brescia)

Con la presente il Collegio Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Brescia è lieto di annunciare l'attivazione del servizio gratuito "Check-cruscotto di cantiere": software per la gestione del cantiere e di semplificazione degli obblighi posti a capo dei Progettisti, Direttori e Responsabili dei lavori e dei Coordinatori per la sicurezza.

Frutto della collaborazione tra gli Ordini professionali della Provincia di Brescia, Collegio Costruttori di Brescia, Rappresentanze sindacali del settore edile, Cassa Edile ed Ente Sistema Edilizia di Brescia, il programma permetterà di
monitorare costantemente l’avanzamento dei lavori dei propri cantieri e di svolgere tutti gli adempimenti previsti dalla normativa in relazione al ruolo ricoperto (Progettisti, Direttori e Responsabili Lavori o Coordinatore per la Sicurezza).

Grazie alle banche dati costantemente aggiornate, il professionista avrà la possibilità di ottenere in tempo reale tutte le informazioni relative alle attività in corso di svolgimento: la verifica dell’idoneità tecnico professionale delle aziende, la condivisione dei progetti e dei disegni tecnici, la redazione di verbali di sopralluogo, caricamento di documenti e fotografie, calendario condiviso, comunicazioni dirette con le imprese, ed altri utili strumenti per la gestione del cantiere 4.0 a portata di un click.

Già da oggi, è possibile visionare in anteprima il software, sul sito della
Cassa Edile di Brescia e di ESEB nel quale è stata attivata la sezione specifica dedicata al programma, ove si può trovare la descrizione del progetto ed il “manuale utente”.



Il Geometra: Tecnico Costruzioni-Ambiente-Territorio
06/05/2015 - Collegio Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Brescia
(Pubblicata da Collegio Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Brescia)

Il Geometra: Tecnico in Costruzioni, Ambiente e Territorio
COLLEGIO GEOMETRI E GEOMETRI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA e FONDAZIONE GEOMETRI ITALIANI
Video per la promozione del percorso di studi per Tecnico in Costruzioni Ambiente e Territorio e della professione del Geometra [aggiornamento Aprile 2015]: 
- Interviste a studenti dell'Istituto Costruzioni Ambiente e Territorio - Geometra con intervento del Dirigente Scolastico;
- Intervista al Presidente del Collegio con breve presentazione dell'attivitÃÂ''  del geometra; 
- Interviste a professionisti con la presentazione di alcuni degli ambiti della polivalente attivitÃÂ''  del Geometra.
 



home page Home Page
contatti Contatti
motore di ricerca Ricerca
Collegio Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Brescia
P.le Cesare Battisti, 12 - 25128 Brescia (BS)
Cod.Fisc. 80046920171 - Tel.: 0303706411 - Fax: 030306867
e-mail: sede@collegio.geometri.bs.it - PEC: collegio.brescia@geopec.it

hosting e sviluppo iww.it - © 2010-2020 tutti i diritti riservati
Privacy - Condizioni d'uso e Copyright - Visualizzazione ridotta/classica